lunedì 16 gennaio 2012

Ahi-Tech!

Ci sono dei vantaggi ad essere cresciuti senza la tecnologia.
Ci sono dei vantaggi ad essere "anzianotti", come i ragazzini di oggi chiamano noi over 35.
A parte il fatto, giovini irrispettosi, che sareste da crepare di mazz-te, che a 36 anni uno è nel fiore degli anni (sì vabbè), ci sono dei vantaggi ad essere anzianotti, eh.
Io ho visto I predatori dell'arca perduta, E.T., I Goonies e Ritorno al futuro al cinema.
Io compravo le cassette di Vasco.
Io avevo un videoregistratore di quelli a caricamento superiore, e la mia mamma cucincava di brutto col primo Bimby appena uscito.
Io ho visto Star Trek quando è arrivata in Italia in tv.
Io c'ero al primo concerto italiano degli A-ha al (fu) Palatrussardi (con mio fratello che era stato costretto ad accompagnarmici, per un disguido dell'ultimo minuto, e mi ha fatto passare tre ore ad inseguire il tizio che vendeva i cornetti. Memorabilia).

Poi è evidente che i ragazzini di oggi danno paga a tutti noi in fatto di computer, videogiochi, cellulari e quant'altro. Noi ci sentiamo tutti esaltati perché le nostre vite sono racchiuse in computer che ci facilitano molti compiti, e più siamo tecno-organizzati più ci esaltiamo.
Poi arrivano loro, le nuove generazioni, e puff!
Per magia, ci sentiamo tutti dei dinosauri pirla.
Io ho un amore-odio con la tecnologia: mi semplifica un sacco la vita, mi intrattiene, mi diverte.
Ma a volte non la capisco proprio.
Ci sono cose che noi umani...

E poi resta l'inquietante uccisione.
Ne parlavo su Facebook con un paio di amici e il mitico Canna se n'è uscito con il nome perfetto per il nostro gruppo di tecno-sfigati: Ahi-Tech.
Perché a volte la tecnologia fa male (chiunque, come me, abbia perso dei dati preziosi prima che la backupmania impazzasse - o che tutti sapessimo come servircene - mi capisce. Calde, abbondanti lacrime versate su lavori completati con fatica e poi spariti nel nulla). Puff!

Ma a volte anche noi - e intendo io e gli altri Ahi-Tech - facciamo male alla tecnologia.
Io una volta ho cotto un processore con la sola imposizione delle mani.
Ho fulminato un iPod.
E non ho (volontariamente) memoria di tutti i cellulari che ho fritto solo toccandoli.
Non siamo molti, ma ci siamo, eh.
La tecnologia ci si rivolta spesso contro... Così noi la puniamo, friggendola.
In realtà però puniamo noi stessi, perché friggiamo solo i nostri preziosissimi aggeggi tecnologici.
Ma questa è un'altra storia.
La storia di un altro club: il club della sfiga...
Giovini irrispettosi, sappiate però che - anzianotti, sfigati o tecnoprivi - noi c'eravamo quando Darth Vader diceva a Luke Skywalker di essere suo padre!
E queste sono cose che cambiano la vita!
Ecco!

1 commento:

  1. Chiara Schmitd16 gennaio 2012 14:43

    per aver visto tutti quei film al cinema ti invidio non poco! con Ritorno al Futuro ho recuperato al 25ennale...
    con Indiana Jones mi sono accontentata del numero IV per lo meno ho sentito la colonna sonora da un impianto serio, per il film in sé poi...vabbè pazienza! XD
    Con la tecnologia non va malaccio, ci capiamo abbastanza, ma non sono abbastanza giovine da capire tutto al primo colpo ahimè!

    RispondiElimina