giovedì 26 aprile 2012

Questi ci prendono per i fondelli

Non è difficile.
Trattasi di matematica elementare.
Ci arrivo persino io.
Se le entrate sono 5, le uscite NON possono essere superiori a 6.
Pare però che il buon professor Monti, il "tecnico" (in realtà molto più "politico" di quanto volesse farci credere) che si è autoassegnato il ruolo di Ministro dell'Economia (oltre ad aver accettato quello di Presidente del Cosniglio), non sia 'sto gran genio in matematica.
Voglio dire.
Ho capito che i politici, tutti i politici, indipendentemente dal partito d'appartenenza, sono d'accordo solo quando bisogna evitare tagli ai loro stipendi o ai rimborsi elettorali.
Che poi, dico io: rubate tutti e invece di provare a salvare la faccia eliminando i rimborsi, che fate?
Gridate "alla trasparenza!" e pensate di cambiare nomi ai partiti, così vi votiamo pensando che siate diversi?
Gente, qui pensano che siamo tutti imbecilli.
E ci prendono per i fondelli.

L'ultima è di oggi: Monti acquista 400 auto blu.
Eh, no.
Ora però mi incazzo.
Già sono sconvolta dal fatto che nessuno sia sceso in piazza (ci vado io, da sola, se volete, basta dirlo) contro la politica economica del Governo al grido di: "O fate i benedetti TAGLI alla politica, o noi non vi diamo più un centesimo".
Volete colmare i buchi degli evasori, dei falsi invalidi, dei corrotti, dei ladri, dei collusi e della gente che si fa perfino portare a casa la spesa dal Parlamento (guardare Le Iene fa male... ma è un male necessario) riducendoci sul lastrico, ma NON siete disposti a tagliare gli sprechi?
E allora andate al diavolo.
Al diavolo le auto blu! Al diavolo un numero eccessivo di parlamentari!
Al diavolo i rimborsi elettorali, i vitalizi guadagnati in 5 minuti e i privilegi fiscali su qualsiasi cosa!
Al diavolo l'annuncio di "lotta all'evasione" e di "sacrifici necessari", se a pagare le tasse siamo sempre noi, sempre gli stessi, quelli che fanno i sacrifici.
Gli unici che fanno i sacrifici.
Smettetela di prenderci per i fondelli.

Io ho già deciso che non voterò.
Dove voto, voto: voto comunque un ladro. Un ipocrita. E un bugiardo.
Quindi non mi rendo complice dell'elezione dell'ennesimo ladro.
Nossignore, non partecipo attivamente per l'ennesima volta a questa truffa autorizzata.
Mi adeguo: scegliete voi, a me va bene tutto.
Tanto fanno tutti la stessa cosa: salvaguardare la casta e prendere noi per i fondelli.
Non c'è soluzione al problema, se non mandarli TUTTI a casa e ricominciare daccapo.
Ma visto che è più facile che io veda passare un asino volando verso le 7 di stasera...
No, non c'è soluzione.
L'unica è emigrare.
Perché il sistema della casta è ovunque...
Ma in Italia dà veramente il meglio di sé.


2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. il punto è che anche non votare non è una soluzione. L'unica forse è dare il voto e la fiducia a gente e ragazzi nuovi che non hanno nulla a che spartire coi partitacci che ci hanno governato finora. Si obietterà che potrebbero mancare di esperienza... però almeno si spera che ci mettano l'onestà e la buona volontà. Tanto peggio di così si può solo tornare all'autoritarismo. Ladri per ladri e incompetenti per incompetenti, proviamo con facce diverse almeno.

    RispondiElimina